Gastroenterologia.net
Ematologia.net
Mediexplorer

Confronto tra impatto clinico della coledocoduodenostomia endoscopica ecoguidata ed epatogastrostomia per ostruzione del dotto biliare con ostruzione duodenale


Fino ad oggi, solo pochi studi con un piccolo numero di pazienti hanno descritto il doppio stenting ( biliare e duodenale ), in particolare il drenaggio biliare endoscopico ecoguidato ( EUS ) per i pazienti con ittero ostruttivo.
Inoltre, nessuno studio ha cercato di determinare quale via di drenaggio biliare ecoguidato permette di ottenere i risultati migliori.

Uno studio ha indagato gli eventi avversi e la pervietà dello stent nei pazienti sottoposti a drenaggio biliare eco-guidato e stenting duodenale.

I pazienti che sono stati ammessi all’Osaka Medical College ( Osaka, Giappone ) con ittero ostruttivo causato da ostruzione biliare distale e ostruzione duodenale a causa di tumore maligno tra il 2012 e il 2014 sono stati retrospettivamente arruolati nello studio.

In totale sono stati arruolati 39 pazienti; 13 sono stati sottoposti a coledocoduodenostomia eco-guidata ( EUS-CDS ) e 26 sono stati sottoposti a epatogastrostomia eco-guidata ( EUS-HGS ).

Analisi aggiustate per le covariate usando i punteggi di propensione hanno mostrato che il gruppo epatogastrostomia eco-guidata aveva una pervietà dello stent significativamente più lunga rispetto al gruppo coledocoduodenostomia eco-guidata ( pervietà dello stent duodenale: mediana 113 vs 34 giorni; hazard ratio, HR=0.415; P=0.046; pervietà dello stent biliare: mediana 133 vs 37 giorni; HR=0.391; P=0.045 ).

All'analisi di regressione logistica, solo la coledocoduodenostomia eco-guidata è risultata associata a eventi avversi, in particolare colangite da reflusso ( odds ratio, OR=10.285, P=0.012 ).

In conclusione, nei casi di ittero ostruttivo con ostruzione duodenale, epatogastrostomia eco-guidata potrebbe essere migliore di coledocoduodenostomia eco-guidata, con più lunga pervietà dello stent e un minore numero di eventi avversi. ( Xagena2016 )

Ogura T et al, Endoscopy 2016; 48: 156-163

Gastro2016



Indietro