Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Chemioterapia intermittente più Cetuximab intermittente o continuo per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma colorettale avanzato con KRAS wild-type


Il carcinoma colorettale avanzato viene trattato con una combinazione di farmaci citotossici e trattamenti mirati.

Tuttavia, non è noto come ridurre al minimo il tempo di assunzione dei farmaci citotossici e se la selezione molecolare sia in grado di migliorare ulteriormente questo processo.

È stato condotto uno studio con lo scopo di stabilire come Cetuximab ( Erbitux ) possa essere aggiunto in modo sicuro ed efficace alla chemioterapia intermittente.

COIN-B era uno studio in aperto, multicentrico, randomizzato ed esploratorio di fase 2 condotto in 30 ospedali nel Regno Unito e in 1 a Cipro.

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma del colon e del retto, in fase avanzata, che non avevano ricevuto precedente chemioterapia per le metastasi.

I pazienti sono stati assegnati in un rapporto 1:1 a chemioterapia intermittente più Cetuximab intermittente o a chemioterapia intermittente più Cetuximab in continuo.

La chemioterapia era FOLFOX ( Acido Folinico e Oxaliplatino seguiti da bolo e infusione di Fluorouracile ).

I pazienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto FOLFOX e Cetuximab settimanale per 12 settimane, in seguito hanno avuto un’interruzione del trattamento ( quelli del gruppo Cetuximab intermittente ) o un mantenimento del trattamento con Cetuximab settimanale ( Cetuximab in continuo ).

Nella progressione RECIST, FOLFOX più Cetuximab o FOLFOX è stato ricominciato per 12 settimane seguito da ulteriore interruzione o mantenimento di Cetuximab, rispettivamente.

L’esito primario era la sopravvivenza libera da fallimento a 10 mesi.

La popolazione della analisi primaria era rappresentata dai pazienti che avevano completato 12 settimane di trattamento senza progressione, decesso o abbandono dello studio.

Lo status di BRAF e NRAS è stato analizzato in modo retrospettivo.

Sono stati registrati 401 pazienti, 226 dei quali sono stati arruolati.

Sono stati riportati i risultati per 169 pazienti con KRAS wild-type: 78 ( 46% ) assegnati a Cetuximab intermittente e 91 ( 54% ) a Cetuximab continuo.

Nella analisi primaria sono stati inclusi 64 pazienti assegnati a Cetuximab intermittente e 66 di quelli assegnati a Cetuximab in continuo.

La sopravvivenza libera da fallimento a 10 mesi è stata del 50% nel gruppo intermittente versus 52% nel gruppo continuo; la sopravvivenza mediana libera da fallimento è stata di 12.2 mesi e di 14.3 mesi, rispettivamente.

I più comuni eventi avversi di grado 3-4 sono stati rash cutaneo ( rispettivamente, 27% vs 22% ), neutropenia ( 29% vs 33% ), diarrea ( 18% vs 25% ), e letargia ( 26% vs 21% ).

In conclusione, Cetuximab è stato incorporato in modo sicuro in 2 strategie di chemioterapia intermittenti di prima linea.
Il mantenimento della monoterapia biologica, con chemioterapia meno citotossica nei primi 6 mesi, in pazienti selezionati in base a criteri molecolari, è promettente e deve essere validata in studi di fase 3. ( Xagena2014 )

Wasan H et al, Lancet Oncol 2014; 15: 631-639

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro