Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena
Xagena Newsletter

Terapie palliative nei pazienti con tumore esofageo inoperabile


Un gruppo di Ricercatori del Royal Victoria Infirmary a Newcastle Upon Tyne ( Gran Bretagna ) ha confrontato l’efficacia clinica e la convenienza economica di stent metallici autoespandibili con altre terapie palliative per aiutare i clinici ad effettuare la scelta di un trattamento basata sull’evidenza.

È stato condotto uno studio prospettico, multicentrico, randomizzato e controllato su 215 pazienti seguiti fino al decesso o fino alla chiusura dello studio.

Le misure di esito primario erano disfagia, qualità di vita 6 settimane dopo il trattamento e costo totale del trattamento.
Le misure di esito secondario includevano morbilità associata al trattamento, mortalità, sopravvivenza e convenienza economica.

L’analisi è stata intention-to-treat.

È stata identificata una differenza significativa nel grado di disfagia tra i bracci a 6 settimane dal trattamento ( P=0.046 ), con peggiore capacità di inghiottire per i pazienti trattati con stent rigido ( differenza nel punteggio medio di disfagia:-0.49; P=0.014 ).

I punteggi globali di qualità di vita sono risultati più bassi sia a 1 sia a 6 settimane dopo il trattamento per i pazienti con stent metallici autoespandibili ( differenza media nell’indice di qualità di vita alla settimana 1:-0.66, P=0.04; alla settimana 6:-1.01; P=0.006 ).

Queste osservazioni sono risultate associate a un più elevato punteggio di dolore post-procedura nei pazienti con stent metallico autoespandibile ( differenza media nel punteggio dei sintomi del dolore QLQ C-30 dell’European Organisation for Research and Treatment of Cancer alla settimana 1:11.13; P=0.01 ).

Nonostante i valori medi EQ-5D QL siano risultati differenti tra i trattamenti ( P
I costi totali hanno mostrato differenze tra i rami di trattamento, ma queste differenze sono state cancellate quando è stato effettuato il confronto tra stent metallici auto-espandibili e terapie non basate su questo dispositivo, con risultati robusti all’analisi di sensibilità.

Non sono state registrate differenze nella mortalità in ospedale o nei tassi di complicanze precoci, ma le complicanze tardive sono risultate più frequenti dopo il posizionamento di stent rigidi ( risk ratio, RR=2.47 ).

È stato osservato un vantaggio di sopravvivenza per i pazienti trattati con terapie diverse dallo stent ( log-rank=4.21; P=0.04 ).

In conclusione, la scelta del trattamento per i pazienti con cancro esofageo non-operabile dovrebbe avvenire tra trattamento con stent metallico autoespandibile e trattamento che non prevede l’impianto di stent, dopo aver considerato le caratteristiche del paziente e del tumore e le preferenze del paziente. ( Xagena2009 )

Shenfine J, Am J Gastroenterol 2009; 104:1674-1685


Gastro2009 Onco2009



Indietro