Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Uso di inibitori del TNF-alfa e rischio di infezione grave nella malattia infiammatoria intestinale pediatrica


Gli studi hanno dimostrato una associazione tra l'uso di inibitori del fattore di necrosi tumorale-alfa ( TNF-alfa ) e un aumentato rischio di infezione grave nella malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) dell'adulto.
Tuttavia, i dati su questo argomento per i pazienti pediatrici sono scarsi e inconcludenti.
Si è determinato se esiste una associazione tra l'uso di inibitori del TNF-alfa e il rischio di infezione grave nei bambini con malattia infiammatoria intestinale.

In uno studio di coorte danese si è cercato nei registri sanitari dal 2007 al 2016 per identificare episodi di bambini e adolescenti di età inferiore a 18 anni con almeno due diagnosi di malattia infiammatoria intestinale registrate in cura specialistica.
È stato classificato il tempo di follow-up in episodi reciprocamente esclusivi di uso di inibitori del TNF-alfa incidente o nessun uso di inibitori del TNF-alfa da registri di cure specialistiche.

Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ), ponderando il punteggio di propensione per caratteristiche demografiche, comorbilità, anamnesi di trattamento, uso del sistema sanitario e indicatori di gravità della malattia.

L'esito primario, infezione grave incidente, è stato definito come infezione che richiede una degenza in ospedale, identificata attraverso i registri ospedalieri.

Tra 2.817 pazienti pediatrici con malattia infiammatoria intestinale, sono stati identificati 618 episodi di uso di inibitori del TNF-alfa e 2.925 episodi di non-utilizzo di questi inibitori.
Nella coorte di episodi esposti e non-esposti ponderati in base al punteggio di propensione, il 53.9% era di sesso maschile, l'età media era di 15 anni, il 69.9% aveva la malattia di Crohn e 30.1% presentava colite ulcerosa o malattia infiammatoria intestinale non-classificata; il follow-up mediano è stato di 1.4 anni.

L'incidenza ponderata di infezione grave è stata di 54.6 eventi per 1.000 anni-paziente per gli episodi di inibizione del TNF-alfa e 61.9 eventi per 1.000 anni-paziente per gli episodi di non-utilizzo.

L'hazard ratio ponderato per l'infezione grave associata all'uso di inibitori del TNF-alfa è stato pari a 0.81.

Non vi è stata alcuna associazione significativa tra l'uso di inibitori del TNF-alfa e il rischio di infezione grave nei bambini con malattia infiammatoria intestinale e sembra improbabile un aumento relativamente piccolo del rischio, contrariamente ai risultati precedenti negli adulti.
Dati osservazionali come questi possono supportare la pratica clinica pediatrica. ( Xagena2019 )

Wintzell V et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 845-853

Gastro2019 Inf2019 Pedia2019 Farma2019


Indietro